RunFedeRun | Selfie mania ???? Tutti malati??? Gli americani dicono che….
Scopri i suggerimenti di Federica Fontana su fitness, mangiare sano, prendersi cura di se stessi e lifestyle.
Federica Fontana, runfederun, run fede run, blog, blog fontana, blog federica, blog fitness, fitness, health food, mangiare sano, fit beauty, consigli bellezza, lifestyle, stile di vita sano, ricette sane, cucina sana, yoga, correre milano, @federicafontana
5994
post-template-default,single,single-post,postid-5994,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.4,vc_responsive

Selfie mania ???? Tutti malati??? Gli americani dicono che….

… Ma saremo tutti malati? Tutti dipendenti dai SOCIAL NETWORK?

IMG_5087Qualche riflessione su cio’ che sta accadendo vorrei farla, ma prima è giusto capire dall’America cosa si dice riguardo alle persone che spesso si scattano foto da divulgare in rete, i famosi SELFIE.

 

L’American Psychological Association, ente di riferimento internazionale per gli psicologi di tutto il mondo, ha definito una nuova patologia per chi manifesta disturbi mentali nell’ossessione per i selfie.
 Gli autoscatti utilizzati in tutti i social network come personale ed intima forma d’espressione sembrano essere considerati il sintomo di gravi carenze di autostima.
 Questa nuova patologia è stata chiamata “Selfitis”, che in italiano corrisponde a: “Selfite”.
 Gli psicologi dell’APA hanno individuato  nei soggetti che soffrono di questa psicopatologia un vero e proprio bisogno ossessivo compulsivo di scattare foto a se stessi,  per pubblicarle sui social network .
IMG_5129 IMG_5130 IMG_5123

 

Ciò avviene al fine di colmare lacune della propria psiche legate all’intimità della persona. L’APA ha persino creato una scala che permetta agli psicologi di graduare la gravità del disturbo

Sono stati individuati tre principali divisioni:

  • borderline il caso di chi scatta un minimo di tre selfie al giorno, senza pubblicarli online.
  • acuta il caso di chi opta per la pubblicazione di tutti i propri selfie giornalieri.
  • cronica il caso di chi attanagliato da un desiderio irrefrenabile di pubblicare lo fa  più di sei volte al giorno .

Di  “terapia” non si è ancora parlato, tuttavia gli psicologi dell’APA assicurano che un intervento di tipo cognitivo-comportamentale (CBT) può essere efficace per ottenere miglioramenti sul piano sintomatico.

Da qui tutti ci staremo facendo un’esame di coscienza… “Sarò malato?”…..